Quanto dura un percorso psicologico

Un albero il cui tronco si può a malapena abbracciare

nasce da un minuscolo germoglio.

Una torre alta nove piani incomincia con un mucchietto di terra.

Un lungo viaggio di mille miglia si comincia col muovere un piede.

(Lao Tse)

 

Quanto dura un percorso psicologico?

 

Ognuno di noi vorrebbe uscire prima possibile dal proprio stato di sofferenza per cercare di sentire meno dolore possibile. Fatto sta che la sofferenza psicologica richiede un pò di pazienza per essere affrontata.

 

Non ci sono soluzioni miracolose e dobbiamo darci del tempo per riflettere, per ascoltare ciò che è dentro di noi e per analizzare le nostre dinamiche a fondo. Il percorso psicoterapeutico può variare a secondo della frequenza (1 o due sedute alla settimana) e della durata; all'inizio ovviamente non è prevedibile la durata del trattamento perchè ci sono molti fattori che vengono scoperti strada facendo. Può succedere che pochi colloqui psicologici siano sufficienti per inquadrare e per facilitare l'elaborazione del problema, ma chi vuole ottenere una consapevolezza più profonda e un cambiamento più stabile, non deve avere troppa fretta. Durante i primi colloqui (almeno 3) generalmente si circondano le problematiche più urgenti e si decide se e come intraprendere una psicoterapia. Quando la persona è disposta a mettersi in gioco, quando sente l'esigenza di affrontare in modo approfondito le proprie dinamiche interne e quando le sue aspettative sono comunque realistiche, verrà presto innescato il seme di un cambiamento.

Se sei abbastanza coraggioso da lasciarti dietro tutto ciò che è familiare e confortevole,

e che può essere qualunque cosa, dalla tua casa ai vecchi rancori,

e partire per un viaggio alla ricerca della verità, sia esteriore che interiore;

se sei veramente intenzionato a considerare

tutto quello che ti capita durante questo viaggio come un indizio;

se accetti tutti quelli che incontri, strada facendo, come insegnanti;

e se sei preparato soprattutto ad accettare alcune realtà di te stesso veramente scomode,

allora la verità non ti sarà preclusa.

(Elizabeth Gilbert)